9.2.12

Paste di mandorle.. per Andrè


Buonasera a tutti!!!!

Rieccomi, ogni tanto sparisco ma poi riappaio all'improvviso, sembro il mago Silvan ahhaaha! scherzi a parte oggi ricettina molto dolce.
Uno dei prodotti tipici siciliani è la pasta di mandorla, si tratta di dolcetti fatti esclusivamente di mandorle, niente farina, burro o quant'altro.
Un mio amico che vive a Pisa ne è ghiottissimo, riuscirebbe a mangiarne quantità industriali e proprio per lui posto questa ricettina cosi potrà prepararli in casa, data la facilità della preparazione, e mangiarne quanti ne vuole.


INGREDIENTI PER 30 DOLCETTI CIRCA

400 gr di mandorle spellate
200 gr di zucchero
3 albumi
2 bustine di vanillina
ciliegie candite per decorare

PROCEDIMENTO

Se le mandorle che avete non sono spellate vi basterà farle bollire per qualche minuto in una casseruola con dell'acqua cosi facendo risulterà facilissimo spellarle.
Asciugatele bene con un canovaccio, mettetele in un mixer con lo zucchero e tritate il tutto finemente, Aggiungete gli albumi e la vanillina e mescolate il tutto.
A questo punto mettete l'impasto in una sac à poche con il beccuccio largo e dentellato.
Su una teglia ricoperta di carta forno create i vostri dolcetti ,decorateli con le ciliegie candite (o con una mandorla intera) e lasciateli  riposare tutta la notte prima di  cuocerli  in forno caldo a 180° per non più di 10 minuti.









p.s. se non avete la sac à poche basterà prendere un po di impasto e creare una pallina, schiacciarla leggermente e decorarla con la ciliegia.

14 commenti:

  1. adoro questi biscotti e a te sono venuti magnifici. un abbraccio

    RispondiElimina
  2. ma che belli!!!! Bravissima. Anna

    RispondiElimina
  3. Ciao Dorotea, la pasta di mandorla mi piace noltissimo e questi dolcetti devono essere squisiti. Passa da me ho una sorpresa. Anna Maria

    RispondiElimina
  4. li faccio spessissimo e quando impasto ne faccio sempre doppia dose xche' meta' li mangio ioooo sono buonissimiiiiii bravaaa ^_^

    RispondiElimina
  5. Ciao Dorotea qui in una settimana sono caduti 35 centimetri di neve. Ora alle 11.57, riprende a nevicare. La temperatura varie tra 0 e - 4 eppure sono in collina a 7 km dal mare. La pasta di mandorle con della marmellata e un bicchiere di vino cotto, è l'ideale con questa temperatura, il vino cotto è vino bollito fermentato in botti di legno. Baci Baci Giovanni.

    RispondiElimina
  6. Che dire troppo buoni ,anch'io la faccio spesso l'adoro..
    bravissima

    RispondiElimina
  7. mmmmmmm...quasi quasi li preparo e ne facciamo una scorpacciata domani mattina.
    grazie e buon fine settimana!

    RispondiElimina
  8. Sono venute davvero bene queste pastine di mandorla!

    RispondiElimina
  9. Ciao! piacere di conoscerti, da oggi ti seguo anch'io perciò mi vedrai spesso! questi pasticcini avrò provato a farli almeno 10 volte.Quando arrivo a premere la sac a poche l'impasto è durissimo e non trovo neanche il beccuccio adatto perchè mi vengono sempre piccolissimi.Da quanto li amavo li sto odiando! Eppure la ricetta me l'ha data una signora siciliana in Sicilia!Riproverò questo inverno perchè ora c'è troppo caldo per innervosirsi!A presto!

    RispondiElimina
  10. buonissimi..mi ricordano tanto la vacanza in sicilia..

    RispondiElimina
  11. ciao...mi sono iscritta ai tuoi lettori...complimenti per il tuo blog..
    un bacio grande...passa da me se ti fa piacere
    http://cottoespazzolato.blogspot.it/

    RispondiElimina
  12. Grazie della visita e per esserti aggiunta ai miei lettori. L'ho fatto anche io molto volentieri e mi sono soffermata a questa ricetta golosissima, proprio perché la amo molto. Questi pasticcini mi piacciono tantissimo, li ho mangiati più volte portati direttamente dalla Calabria, da una mia amica. Un abbraccio e a presto ! Claudia

    RispondiElimina
  13. Grazie della visita e per esserti aggiunta ai miei lettori. L'ho fatto anche io molto volentieri e mi sono soffermata a questa ricetta golosissima, proprio perché la amo molto. Questi pasticcini mi piacciono tantissimo, li ho mangiati più volte portati direttamente dalla Calabria, da una mia amica. Un abbraccio e a presto ! Claudia

    RispondiElimina